• Facebook
  • Instagram
  • Youtube
Accedi all’area riservata:
2018-09-24

Vita a sei zampe

Dichiarazione dei redditi: come detrarre le spese veterinarie

Anche quest’anno è possibile detrarre le spese mediche sostenute per i propri pet dalla dichiarazione dei redditi con i modelli 730 e Unico: vediamo come fare.

Chiunque ami il proprio amico a quattro zampe è estremamente attento alla sua salute, che cura attraverso tutta una serie di visite (di routine o straordinarie) presso il veterinario. Spese che possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi 2018, sia nel caso del modello 730 che di quello Unico.

Il valore della detrazione

Innanzitutto è utile ricordare che la detrazione riguarda un massimo del 19% delle spese sostenute nel 2017, con un valore che non può superare i 387,34 euro e una franchigia pari a 129,11 euro: ciò vuol dire che la detrazione viene calcolata sulla cifra che eccede tale importo.

Quando si può detrarre…

Le spese veterinarie che danno diritto alle detrazioni sono quelle sostenute per animali domestici detenuti legalmente a scopo di compagnia o per pratica sportiva. Sono esclusi, quindi, sia gli animali allevati per attività commerciali che quelli destinati al consumo alimentare o alla riproduzione.

… e cosa

La normativa ritiene detraibili le spese relative alle visite veterinarie e all’acquisto di farmaci prescritti dal medico specialista nonché agli esami di laboratorio e agli interventi realizzati in clinica. La detrazione, invece, non è prevista per gli antiparassitari, gli alimenti e le medicine senza prescrizione medica.

Da conservare

Quali documenti bisogna conservare allora? Le fatture riguardanti le visite e le prestazioni del veterinario, gli scontrini parlanti dei medicinali e l’autocertificazione che provi la detenzione legale del pet per pratica sportiva o come animale da compagnia.

Il calcolo della detrazione

Se le spese veterinarie sostenute nel 2017 sono state inferiori a 387,34 euro, il valore della detrazione sarà pari al 19% della differenza tra l’importo speso e la franchigia di 129,11 euro. Se sono state superiori, invece, la detrazione sarà pari al 19% della differenza tra il tetto massimo detraibile (387,34 euro) e la franchigia (129,11 euro).